stor
22/08/2016, 23:08

provence, lavande, lavanda, provenza, girasoli, tournesol, roussillon, gorges du verdon, france, francia



La-Provenza-dei-colori


 Il viola della lavanda, il giallo dei girasoli, l’ocra del Roussillon.




Il viola della lavanda, il giallo dei girasoli, l’ocra del Roussillon: tre ottimi motivi per scegliere la Provenza come meta per una spedizione fotografica all’insegna di colori, palloncini e albe. Armati di ogni tipo di attrezzatura fotografica, io ed il mio compagno di scatti siamo partiti alla ricerca dei campi, inseguendo ogni traccia di colore che scorgevamo. Le dorate luci dell’alba e del tramonto, coronate da scie di nebbia bassa mattutina, hanno contribuito a rendere ancora più magica l’atmosfera, già sublime di per sè.   
Au revoir, Provence!















































































Un grazie speciale a Primo Vanadìa per gli scatti.

Tutte le foto sono oggetto di copyright.
16/11/2015, 23:35

siena, toscana, tuscany, san galgano, fotografia, crete senesi, pini,



Siena-vanitosa.


 Così fiera dei suoi mattoncini rossi e delle sue strade acciottolate, così legata alle sue tradizioni.



Qualche weekend fa, sono andata a trovare due mie amiche di infanzia che abitano a Siena.
Avevo visitato la Toscana quando ero piccola, quindi non ricordo quasi nulla, ma ho letto di recente tanti racconti sulle sue splendide campagne, soprattutto.
Siena è un luogo molto particolare, sembra che il tempo lì non sia passato. E’ un pò come se il continuo mutamento urbano delle grandi città non la interessi, così fiera dei suoi mattoncini rossi e delle sue strade acciottolate, così legata alle sue tradizioni. Il Palio ad esempio. Due volte l’anno, le contrade senesi si sfidano in una "giostra equestre" di origini medievali: la contrada vincitrice esporrà poi il trofeo come il suo miglior tesoro, oltre ad una gigantografia del momento della vittoria che deve essere ben visibile a tutti. Senesi vanitosi.

Mi sembra doveroso dare il giusto merito anche alle campagne circostanti.
Armate di macchine fotografiche e di tanta curiosità, abbiamo percorso 250 km di curve: non potevo tornare a casa senza un ricordo della splendida Abbazia di San Galgano - uno dei primi esempi di architettura gotica cistercense in Italia - ed i 15 km di crete senesi - delle enormi distese di creta dal colore grigio bluastro, che ricordano tanto le onde del mare -, passando per i numerosi paesini e fermandoci per strada ad ogni scorcio che valeva la pena fotografare.

Menzione speciale va infine al delizioso "ciaccino" del "Poppi", che non ho potuto fare a meno di assaggiare in tutte le sue varianti!












































































08/10/2015, 18:10

Barcelona, Barcellona, Gaudi, Architecture, Architettura, Foto, Photo, Fotografia, Photograph, Blog, articolo, Nikon, Olympus, Reflex Casa Mil, La Pedrera, Parc Guell, Museu Blau, Sagrada Familia, Padiglione Barcellona



Barcellona:-tela-bianca-per-gli-artisti.


 La città che è riuscita a fondere il vecchio con il nuovo, diventando bella da far perdere il fiato.





Barcellona è una delle città europee che negli ultimi anni è stata maggiormente oggetto di sfogo della creatività di grandi architetti: a partire dal 1975, essa diventa un vero e proprio laboratorio urbano. 

Architetture di grande qualità hanno abbellito aree della città che sono state quindi ridisegnate da personaggi del calibro di Antoni Gaudì, Herzog & De Meuron, Ludwig Mies Van Der Rohe...

Le imponenti trasformazioni sul piano urbanistico ed architettonico che hanno interessato la città europea nel corso degli ultimi due secoli, l’hanno resa un inedito modello progettuale ed economico, capace di essere "esportato" ed applicato in altre città metropolitane. 


Sono tante le personalità che hanno contribuito alla bellezza di Barcellona, ma se dovessi scegliere un solo volto rappresentativo della città, sceglierei quello di Antoni Gaudì: autore, creatore ed innovatore della fama della città nel mondo, è il fiore all’occhiello dell’orgogliosa cultura catalana moderna. Anche se la sua influenza non è immediatamente visibile nello stile architettonico moderno, lo è spesso nell’uso del colore e dell’immaginazione.  Soprattutto, il mio stupore davanti alle sue opere deriva dal fatto che, citando Pascal, esse possono essere capite benissimo servendosi unicamente dell’Esprit de finesse, dimenticando il rigoroso Esprit de geometrie. Lo si comprende, insomma, prima col cuore che con la ragione. 




Particolare del lampadario - Casa Battlò -Antoni Gaudì

Vista sulla corte interna - Casa Battlò - Antoni Gaudi

Comignoli che incorniciano la Sagrada Familia - Casa Milà - Antoni Gaudì

Comignoli - Casa Milà - Antoni Gaudì

Tetto - Casa Milà - Antoni Gaudì

Panchine - Parc Guell - Antoni Gaudì

Particolare degli affacci - Parc Guell - Antoni Gaudì

Parc Guell - Antoni Gaudì

Parc Guell - Antoni Gaudì

Sagrada Familia - Antoni Gaudì

Padiglione Barcellona - Mies Van Der Rohe

Padiglione Barcellona - Mies Van Der Rohe

Padiglione Barcellona - Mies Van Der Rohe

Padiglione Barcellona - Mies Van Der Rohe

Museu Blau - Herzog & De Meuron

Museum Blau - Herzog & De Meuron

Museum Blau - Herzog & De Meuron

Piazza antistante il Museu Blau

Mercato della Boqueria

Mercato della Boqueria

Incrocio con pista ciclabile ed attraversamenti pedonali

Skaters al MACBA

Street Art

Museu del Disseny - MBM Arquitectes
dietro: Torre Agbar - Jean Nouvel

Parc de la Ciutadella

Playa de Barceloneta

Brise soleil

Fontana danzante




122
Create a website